Villa del Petraro - Scavi di Stabia

La villa venne scoperta casualmente nel 1957 per alcuni lavori di estrazione di lapilli proseguendo fino al 1958, quando dopo averla spogliata di affreschi ed elementi decorativi di maggior importanza venne nuovamente interrata. Villa Petraro era una villa rustica, come testimonia un torchio olearium, con una lunghezza di 37 m e una larghezza di 29 m e si estendeva su di una superficie di circa 1000 mq, essa era composta da due livelli come testimonia la presenza di una scala e al momento dello scavo risultava già crollata la parte occidentale dela Villa, edificata in origine durante la prima età augustea, era evidentemente in fase di ristrutturazione per il terremoto del 62 d.C., inoltre la si stava trasformando da villa rustica a villa d’otium, come testimoniano alcuni cumuli di materiali edili e progetti di decorazioni. L’eruzione del Vesuvio la seppellita insieme a tutta Stabiae nel 79 d.C.

Categoria: Modellazione 3D –  Stampa 3D – Archeologia

Data: 2019

Basandosi sulla documentazione storica disponibile, si è modellato l’edificio tramite CAD e si è proceduto alla realizzazione del plastico tramite Stampa 3D

Viste